Qualità dell'aria

La sicurezza è nell'aria

 

Se non fosse per le bombole, che ci danno la possibilità di respirare sott'acqua, non potremmo goderci la fantastica vita marina. Ma non è un buon motivo per fidarsi ciecamente dell'aria nella bombola: ci sono diversi tipi di contaminazione che possono trasformare in puro veleno il nostro supporto vitale subacqueo. Lo slogan “Safety is in the air” vuole sensibilizzare i subacquei riguardo ai rischi di contaminazione dei gas respirabili.

 

Prevenire è meglio che curare. È per questo che la nostra attività principale è la prevenzione. Noi del DAN Europe forniamo ai subacquei indicazioni sul primo soccorso e su come trattare casi di intossicazione, ma l’obiettivo primario rimane quello di evitare che le persone vadano ad immergersi con aria contaminata. Per ottenere questo risultato informiamo sulle possibili forme di intossicazione e su come si possono ridurre i rischi. A sostegno della campagna informativa, il DAN ha distribuito migliaia di CO-Pro™ a tutti gli iscritti DAN, vecchi e nuovi, durante le fiere della subacquea del 2014. Il CO-Pro™ è uno dispositivo di sicurezza che consente di rilevare personalmente il monossido di carbonio nel gas da respirare. Il DAN Europe sta distribuendo anche la brochure “La sicurezza è nell'aria”, che spiega cos'è l'avvelenamento da monossido di carbonio (CO), come lo si può evitare e come può essere curato.

 

Gas respirabile contaminato

 

Cos’è l’intossicazione da monossido di carbonio e come influisce sulla sicurezza subacquea?

Il monossido di carbonio (CO) è un gas inodore, incolore e insapore prodotto, in genere, dall’incompleta combustione di composti contenenti carbonio.


È facilmente assorbito dall’emoglobina a cui si lega 200 volte più intensamente di quanto le si leghi l’ossigeno, diminuendo la sua capacità di trasporto. Ciò, a sua volta, provoca una riduzione della quantità di ossigeno che porta, infine, all’ipossia e alla morte.
La gravità di un’intossicazione da monossido di carbonio dipende dalla sua concentrazione nell’aria che si respira e dal tempo di esposizione. Pertanto, anche una lunga esposizione a una concentrazione relativamente bassa di CO può causare una seria intossicazione.


Quando ci s’immerge, la pressione parziale di CO aumenta con la profondità, tanto che persino una bassa concentrazione di CO (che a una normale pressione atmosferica non avrebbe alcuna conseguenza, neanche in seguito ad un’esposizione prolungata) diventa pericolosa con l’aumentare della profondità. Durante la discesa, l’emoglobina può sovraccaricarsi di CO, compromettendo l’assorbimento di ossigeno; d’altra parte, la maggiore pressione parziale di ossigeno può far sì che questo sia sufficiente a mantenere le cellule ossigenate. Durante l’immersione, inoltre, il minore apporto di ossigeno (attraverso l’emoglobina) è parzialmente compensato dalla quantità di ossigeno disciolto nel plasma. Tuttavia, durante la risalita, col ridursi della pressione parziale di ossigeno, anche la quantità di ossigeno disciolto decresce e ciò può facilitare l’ipossia. Questo può essere il motivo per cui i sintomi di un’intossicazione possono acuirsi durante o dopo la risalita.


La contaminazione da CO è forse la forma più pericolosa di avvelenamento del gas respirabile, ma ne esistono altre. Vediamole.


Quali altri pericoli potrebbero nascondersi nelle bombole?

Ci sono tre livelli di contaminanti che potrebbero inquinare l’aria che respiriamo:

    1. Quelli più comuni nei gas compressi, come il monossido di carbonio (CO), l'anidride carbonica (CO2), l'umidità (H2O), olio condensato, particelle e composti aromatici
    2. Quelli presenti in certe aree geografiche: idrocarburi volatili e composti organici come il metano (CH4)
    3. Altre sostanze, segnalate di rado, come vapori di detergenti e solventi alogenati, emissioni di veicoli a motore, prodotti e fumi a base di zolfo e di azoto

 

Un eccesso di anidride carbonica (CO2) aumenta il ritmo della respirazione e nelle immersioni profonde mette a rischio l'apparato respiratorio. Altre conseguenze sono piccole alterazioni percettive, malessere, vertigini, stordimento e, nei casi più estremi, perdita di coscienza e morte.

L’umidità in eccesso può causare il blocco degli erogatori. Facilita inoltre i processi di corrosione e arrugginimento nelle bombole, agisce sui filtri e ne diminuisce l’efficienza, creando composti chimici aromatici che provocano nausea e irritazioni alle vie respiratorie.

Per quanto riguarda gli oli, a creare preoccupazioni per la salute sono soprattutto le particelle oleose più piccole che, al contrario di quanto avviene con quelle più grandi, non vengono eliminate dai meccanismi di depurazione dell’organismo e possono causare infiammazioni. Per di più, le nebbie oleose possono dar luogo a un significativo rischio incendi.

La polvere è pericolosa sia per i polmoni che per le parti più piccole degli erogatori.

Tutti devono conoscere il rischio di contaminazione; i subacquei devono esserne consapevoli e chi ricarica le bombole deve lavorare con scrupolo e coscienza.

 

Sintomi e trattamento

 

Quali sono i segnali e i sintomi di un’intossicazione da CO?

I segnali tipici e i sintomi di un’intossicazione da monossido di carbonio sono:

  • dolore e sensazione di pressione alla testa;
  • vertigini;
  • nausea;
  • affanno dopo uno sforzo;
  • confusione;
  • vomito;
  • paralisi e/o
  • perdita dei sensi;
  • labbra, guance e unghie arrossate (specialmente nella fase iniziale).
Se ci accorgiamo di avere sintomi da intossicazione da monossido di carbonio, o li notiamo in un compagno d’immersione, è estremamente importante applicare la seguente procedura per evitare perdita di sensi, incapacità, e soprattutto la morte.

Trattamento di primo soccorso:

 

Il sub dovrebbe smettere di respirare dalla bombola contaminata e cessare l’immersione. Il buddy/compagno può fornire la propria fonte d’aria alternativa così da far respirare al sub dell’aria non contaminata. Tuttavia, se lo stesso compressore ha ricaricato entrambe le bombole, anche questa fonte d’aria può essere compromessa.


Basic Life Support (BLS) e ossigeno al 100% dovrebbero essere somministrati quanto prima.


Chiama DAN per la consulenza medica e per organizzare il trasporto verso una struttura medica di emergenza (preferibilmente con una camera iperbarica) per un esame e un adeguato trattamento.


Una risposta tempestiva è cruciale in caso di intossicazione da CO, ma è sicuramente meglio attuare sistemi efficaci per prevenire i sintomi piuttosto che doverli curare.

 

Come prevenire la contaminazione

 

Cosa si può fare per ridurre il rischio di un’intossicazione da CO durante un’immersione?

La contaminazione da monossido di carbonio è causata da impurità già presenti nell’aria quando è immessa nel compressore o da contaminanti generati dal compressore stesso. Il processo di compressione può inquinare l’aria con grandi quantità di CO e CO2 solo se tali elementi sono presenti nell'ambiente dove si trova il compressore. Per questo è essenziale controllare il compressore che riempie le bombole dalle quali respiriamo e il luogo dove si trova. Entriamo un po’ più nei dettagli e vediamo cosa possiamo fare per evitare un’intossicazione da monossido di carbonio, sia che siamo noi a caricare le bombole, sia che siamo i subacquei che le usano per respirare.

 

Cosa possono fare i centri diving, i club o i negozi di subacquea?

  • Assicurarsi che il punto di prelievo dell'aria che arriva ai compressori non si trovi vicino a fonti di contaminazione come veicoli a motore, generatori diesel, altri gas di scarico, o sottovento rispetto ai gas di scarico dello stesso compressore. Assicurarsi, inoltre, che nessuno fumi o bruci alcun materiale nei pressi del punto di prelievo dell'aria.
  • Utilizzare solo l’olio e i filtri adatti al compressore e controllare regolarmente che la frusta di riempimento non sia danneggiata e che le manopole non siano allentate (spesso lo sono a causa delle vibrazioni).
  • Fare in modo che il compressore riceva un’adeguata manutenzione, poiché l’usura può provocare un eccessivo surriscaldamento; queste alte temperature, a loro volta, possono decomporre l’olio lubrificante in sostanze tossiche come anche il monossido di carbonio.
  • Controllare regolarmente la qualità dell’aria: questo può essere fatto usando fialette e altri dispositivi monouso, o con altri rilevatori elettronici. In alternativa, specialmente nelle regioni dov’è obbligatorio, si può ricorrere all’analisi dell’aria da parte di laboratori accreditati.

Cosa può fare il sub?

  • Se stai usando un tuo compressore, segui le raccomandazioni di cui sopra.
  • Procurati l’aria o i gas solo da centri sub, club o negozi affidabili.
  • Chiedi al fornitore d’aria quanto spesso controlla la qualità dell'aria, se fa una manutenzione regolare del compressore e se ha un registro delle verifiche.
  • Se possibile, controlla dov’è posto il punto di prelievo dell'aria per il compressore quando ti fai ricaricare la bombola in una stazione di ricarica che non conosci, specialmente in vacanza.
  • Evita di fumare subito prima di un’immersione perché anche il fumo delle sigarette contiene CO.
  • Appura l’eventuale presenza di CO nella tua bombola usando un tuo rilevatore di CO, soprattutto quando non sei sicuro dell’affidabilità della stazione di ricarica o quando non sai come sono state riempite le bombole. Se è vero che il rilevatore elettronico di CO può essere abbastanza caro per il singolo sub, dispositivi come il CO-Pro, che servono a individuare la presenza di CO nei gas da respirare, sono economici e accessibili a tutti.

 

Per quanto raro, il rischio di contaminazione può aumentare quando ci s’immerge in località remote e destinazioni turistiche in cui gli standard di sicurezza non sono come quelli dei Paesi più sviluppati. Questa non è, comunque, una regola assoluta.

 

Articoli e Ricerca

 

 

Il Co-Pro: un modo rapido ed efficace per rilevare il monossido di carbonio nell’aria. Se questa è contaminata da CO, la Capsula all’interno del palloncino cambierà colore. Scopri il Co-Pro e tanti altri prodotti per la sicurezza nel DAN Shop.

 

Partecipa

Downloads